Home > Comunicati Stampa > Standing Ovation per Vandana Shiva a Malles

Malles – Il pubblico che ha gremito l’Aula Magna del Centro scolastico di Malles si è alzato in piedi ad applaudire il premio Nobel alternativo Vandana Shiva e a celebrare il coraggio dei cittadini di Malles.

Una serata che nemmeno la comunità di Malles ha mai visto prima. Le sale piene – come in questo caso l’Aula Magna del liceo Claudia von Medici – non sono una novità per Malles, quando si tratta di discutere di un futuro senza pesticidi. Ma la serata con Vandana Shiva, organizzata dal comune di Malles e dalla cooperativa cittadina, ha superato ogni aspettativa. La presidente di Navdanya International, membro del World Future Council e consigliere della FAO (Food and Agriculture Organization of the United Nations) ha espresso concetti chiari e pungenti ed ha saputo veicolarli al pubblico con un approccio rinfrescante e commovente. La Grande Dame dei Semi ha detto che Mals rappresenta il fertilizzante perfetto per il coraggio – e il coraggio, ha detto “è una virtù rara in questi tempi”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

L’inizio della conferenza ha visto l’esibizione del gruppo musicale della frazione di Malles, Matsch. „Non è un caso“ ha affermato il sindaco Ulrich Veith, visto che Matsch è di fatto il primo villaggio altoatesino di alpinismo che si appresta ad affrontare il cammino per un futuro agricolo esclusivamente biologico.

Nell’incontro svoltosi in India nel 2017 con numerosi agricoltori, dove aveva presentato l’esperienza del referendum di Malles, il sindaco Ulrich Veith aveva visto con i suoi occhi ciò che Vandana Shiva ha potuto ottenere con Navdanya per l’agricoltura su piccola scala.

Riferendosi al Bhutan, che è sulla strada di diventare completamente a coltivazione biologica entro il 2020, Vandana Shiva ha posto la domanda: „Come sarebbe, se tutto l’Alto Adige lavorasse la terra in modo biologico? Voi vivete qui in paradiso, ma il mio viaggio a Malles è anche per la difesa della democrazia”. Vandana Shiva ha fatto quindi riferimento al risultato del referendum popolare di Malles, che aveva decretato la volontà dei cittadini per un comune senza pesticidi e che aveva prodotto un regolamento municipale ora congelato dal Tar. “L’agricoltura, non dobbiamo dimenticare, è la cultura del suolo e del territorio. Ed è esattamente questo che stiamo distruggendo con i veleni”. Altri argomenti toccati dalla presidente di Navdanya International sono stati: l’esternalizzazione dei costi dell’agricoltura industriale, le conseguenze economiche e sanitarie, il collegamento tra la crisi climatica ed i flussi di rifugiati, le sostanze nutritive più carenti negli alimenti coltivati convenzionalmente e, soprattutto, il fatto che i veleni sotto forma di pesticidi danneggiano non solo il pianeta – e quindi il clima – ma tutti coloro che vogliono un futuro su questa terra: noi esseri umani.

“Vorrei che ci fossero molti Malles nel mondo”, ha dichiarato Vandana Shiva, “perché Malles non combatte solo per se stessa e rappresenta un’importante esperienza pionieristica per il mondo intero“.

Content not available.
Please allow cookies by clicking Accept on the banner

La conclusione di una serata unica nella comunità di Malles, che ha riunito sul palco tutti coloro che da anni combattono per una comunità senza pesticidi o che coltivano con metodo biologico da decenni, è stata il cantare tutti insieme la canzone sul clima (“Song for the Climate”), che ci ha ricordato ancora una volta che Malles ha intrapreso l’unica strada possibile per la sopravvivenza delle generazioni future. Vandana Shiva ha concluso: “Proseguiamo insieme su questa strada per un cibo e un’agricoltura senza veleni entro il 2030. Abbiamo solo i prossimi dieci anni per garantire un futuro all’umanità e a tutte le specie viventi”.

Comunicato orginale in tedesco di Vissidarte. Traduzione Navdanya International


Scopri le altre tappe del tour di Navdanya International con Vandana Shiva, dal 9 al 13 aprile per promuovere la Campagna “Per un’alimentazione e un’agricoltura libera da veleni”. Leggi il comunicato stampa.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close