Home > Notizie > i nostri articoli > Una domenica in marcia contro i pesticidi

Contro i pesticidi, in marcia verso il futuro

di Manlio Masucci, Navdanya International – l’Extraterrestre, il manifesto, 16 maggio 2019

Da Follina al resto d’Italia. Da fenomeno locale a mobilitazione nazionale nel giro di tre anni, grazie all’adesione di decine di comitati e organizzazioni della società civile italiana. Migliaia di persone riunite intorno a un obiettivo comune: vietare l’utilizzo dei fitofarmaci in agricoltura e porre un freno all’espansione indiscriminata delle monocolture intensive. E’ questo l’obiettivo della Marcia Stop Pesticidi, che si terrà domenica 19 maggio in varie località del paese. I cortei attraverseranno Treviso, Verona, Trento, Caldaro ma ci saranno presidi anche in Friuli, Emilia Romagna e nelle Marche.

Che la Marcia nasca a Follina, in provincia di Treviso, non è un caso. Ci troviamo nel cuore del Prosecco doc, un’estesa area geografica modificata artificialmente per far posto alle monocolture industriali che si impongono sul territorio con il loro kit di erbicidi, pesticidi e fertilizzanti chimici. Ma anche l’espansione della protesta non è casuale. Perché la monocoltura industriale ad alto input chimico sta attaccando tutto il territorio italiano e tutti i suoi abitanti.  Follina diviene allora, almeno per un giorno, il cuore pulsante di quell’Italia che intende guardare a modelli di sviluppo alternativi, veramente sostenibili, contraddicendo il dogma dell’agribusiness che continua a voler imporre un modello produttivo intensivo inviso a una fetta sempre maggiore di popolazione.

Gli impatti negativi sull’ambiente e sulla salute delle persone di un modello agricolo governato dalle potenti multinazionali del settore è oramai dimostrato da numerosi studi scientifici. Molti di questi studi provengono proprio dall’Italia, e in particolare dall’Istituto Ramazzini riconosciuto, a livello internazionale, come laboratorio all’avanguardia per le ricerche sugli effetti dei pesticidi sulla salute umana. Parliamo di effetti che riguardano sia la popolazione residente nelle aree di produzione, costretta a vedersela con l’inquietante fenomeno della deriva, sia i consumatori, indotti ad acquistare cibi potenzialmente dannosi per la loro salute. Anche i medici per l’ambiente italiani di Isde  sottolineano i rischi di cancerogenesi, di infertilità, di interferenza endocrina e di altre patologie non trasmissibili correlate a molti composti attualmente utilizzati in grande quantità nelle monocolture intensive mentre Navdanya International ha prodotto studi sui suoli, sempre più contaminati, e sulle esternalità negative dell’industria, quei costi nascosti che ricadono inesorabilmente sulle casse dello Stato e quindi nelle tasche dei contribuenti.

Una letteratura scientifica indipendente, ampia e incontrovertibile, che giustifica l’urgenza dell’azione. L’alternativa esiste ed è già praticata. L’agroecologia, come recentemente confermato dalla Fao, si è dimostrata una pratica rispettosa dell’ambiente, economicamente sostenibile, meno impattante dal punto di vista dei cambiamenti climatici e più equa, soprattutto se abbinata al sistema delle filiere corte che riducono i grandi sprechi di energia e cibo caratteristici della grande distribuzione industriale. Come ha rilevato la presidente di Navdanya International, Vandana Shiva,  la questione dei pesticidi è divenuta oramai una questione di democrazia. La spudorata negazione dei principi di sussidiarietà e di precauzione, inseriti nei trattati europei, non è più tollerabile. Il movimento per un’agricoltura e un’alimentazione libera dai veleni continuerà a crescere fino a che la politica non tornerà a fare il suo lavoro: ascoltare i cittadini per poter tutelare i loro diritti.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close