Home > Notizie > i nostri articoli > BIODIVERSITA’ E’ VITA

Scarica pdf

Questo contenuto è disponibile anche in: Inglese, Spagnolo
Array
(
    [en] => Array
        (
            [code] => en
            [id] => 1
            [native_name] => English
            [major] => 1
            [active] => 0
            [default_locale] => en_US
            [encode_url] => 0
            [tag] => en
            [missing] => 0
            [translated_name] => Inglese
            [url] => https://navdanyainternational.org/biodiversity-is-life/
            [country_flag_url] => https://navdanyainternational.org/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/res/flags/en.png
            [language_code] => en
        )

    [it] => Array
        (
            [code] => it
            [id] => 27
            [native_name] => Italiano
            [major] => 1
            [active] => 1
            [default_locale] => it_IT
            [encode_url] => 0
            [tag] => it
            [missing] => 0
            [translated_name] => Italiano
            [url] => https://navdanyainternational.org/it/biodiversita-e-vita/
            [country_flag_url] => https://navdanyainternational.org/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/res/flags/it.png
            [language_code] => it
        )

    [es] => Array
        (
            [code] => es
            [id] => 2
            [native_name] => Español
            [major] => 1
            [active] => 0
            [default_locale] => es_ES
            [encode_url] => 0
            [tag] => es
            [missing] => 0
            [translated_name] => Spagnolo
            [url] => https://navdanyainternational.org/es/la-biodiversidad-es-vida/
            [country_flag_url] => https://navdanyainternational.org/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/res/flags/es.png
            [language_code] => es
        )

    [fr] => Array
        (
            [code] => fr
            [id] => 4
            [native_name] => Français
            [major] => 1
            [active] => 0
            [default_locale] => fr_FR
            [encode_url] => 0
            [tag] => fr
            [missing] => 1
            [translated_name] => Francese
            [url] => https://navdanyainternational.org/fr/biodiversity-is-life/
            [country_flag_url] => https://navdanyainternational.org/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/res/flags/fr.png
            [language_code] => fr
        )

    [de] => Array
        (
            [code] => de
            [id] => 3
            [native_name] => Deutsch
            [major] => 1
            [active] => 0
            [default_locale] => de_DE
            [encode_url] => 0
            [tag] => de
            [missing] => 1
            [translated_name] => Tedesco
            [url] => https://navdanyainternational.org/de/biodiversity-is-life/
            [country_flag_url] => https://navdanyainternational.org/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/res/flags/de.png
            [language_code] => de
        )

    [pt-br] => Array
        (
            [code] => pt-br
            [id] => 43
            [native_name] => Português
            [major] => 0
            [active] => 0
            [default_locale] => pt_BR
            [encode_url] => 0
            [tag] => pt-br
            [missing] => 1
            [translated_name] => Portoghese, Brasile
            [url] => https://navdanyainternational.org/pt-br/biodiversity-is-life/
            [country_flag_url] => https://navdanyainternational.org/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/res/flags/pt-br.png
            [language_code] => pt-br
        )

    [el] => Array
        (
            [code] => el
            [id] => 13
            [native_name] => Ελληνικα
            [major] => 0
            [active] => 0
            [default_locale] => el
            [encode_url] => 0
            [tag] => el
            [missing] => 1
            [translated_name] => Greco
            [url] => https://navdanyainternational.org/el/biodiversity-is-life/
            [country_flag_url] => https://navdanyainternational.org/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/res/flags/el.png
            [language_code] => el
        )

    [ca] => Array
        (
            [code] => ca
            [id] => 8
            [native_name] => Català
            [major] => 0
            [active] => 0
            [default_locale] => ca
            [encode_url] => 0
            [tag] => ca
            [missing] => 1
            [translated_name] => Catalano
            [url] => https://navdanyainternational.org/ca/biodiversity-is-life/
            [country_flag_url] => https://navdanyainternational.org/wp-content/plugins/sitepress-multilingual-cms/res/flags/ca.png
            [language_code] => ca
        )

)

La salute di ogni essere sul pianeta è profondamente legata alla salute complessiva della rete di diversità degli esseri viventi che compongono i nostri ecosistemi.

Esiste un’intima connessione tra la biodiversità del suolo, la biodiversità e le interrelazioni tra piante e animali coltivati e selvatici, la biodiversità delle sementi e la biodiversità dei processi della Terra, attraverso i quali, gli ecosistemi vengono costruiti e si evolvono in resilienza.

Tutti i livelli della biodiversità hanno un legame diretto e tangibile con la salute umana. Questo perché esiste un’intima connessione tra la biodiversità della nostra dieta e del nostro intestino e gli ecosistemi circostanti. La salute è quindi un continuum.

La biodiversità è quindi necessaria a tutti i livelli del sistema alimentare.

Ma con l’affermarsi dell’agricoltura industriale, in nome del mito di una maggiore produttività, l’importanza della salute è stata messa da parte. Il degrado ambientale e la distruzione della biodiversità causati dall’agricoltura industriale su larga scala, hanno determinato l’esaurimento della diversità dei nutrienti, delle colture e delle sementi. Fattori che si ripercuotono direttamente sulla salute generale dell’uomo.

Alla luce delle crisi sanitaria e della biodiversità, diventa ancora più importante la transizione verso un sistema alimentare agroecologico basato sulla biodiversità e sulla cura e la salute delle persone e della natura.

A indicare il futuro dei nostri sistemi alimentari e agricoli sono i piccoli agricoltori, le comunità locali e gli orticoltori che stanno già mettendo in pratica l’agroecologia basata sulla biodiversità, che preserva e ringiovanisce il continuum della salute tra il suolo, le piante, gli animali, il cibo e gli esseri umani. Si tratta di un cambiamento di paradigma olistico in cui la diversità in tutte le aree viene coltivata per la resilienza ecologica.


La biodiversità è vita. La biodiversità intreccia la rete della vita. Non è proprietà intellettuale delle multinazionali. Non è una risorsa finanziaria per coloro la cui avidità sta portando alla perdita e all’estinzione della biodiversità— Vandana Shiva


La biodiversità è salute

C’è un’intima connessione tra i vari livelli della biodiversità e della salute di ogni essere vivente su questo pianeta.

La biodiversità determina la salute di ogni ecosistema, così come crea e preserva le condizioni di vita ideali per tutti gli esseri viventi.

Allo stesso modo rinnova le funzioni ecologiche. Più un ecosistema è complesso, più forte è la sua resilienza e la sua salute.

Tutti i processi ecosistemici hanno un legame tangibile e diretto con la salute umana, pari all’intimo legame tra la biodiversità del suolo, dei microrganismi, delle piante e dei semi selvatici, delle varietà di colture e di specie vegetali, degli animali, e la biodiversità nelle nostre diete e nel nostro sistema digestivo.

La biodiversità è necessaria a tutti i livelli del sistema alimentare.


La salute degli ecosistemi di basa sulla biodiversità

La biodiversità determina la salubrità dei nutrienti, dell’acqua e dei cicli del carbonio che transitano nei suoli, nei fiumi, nelle foreste e negli oceani.

Il suolo è l’ecosistema con la biodiversità più ricca del pianeta. Un grammo di suolo può contenere fino a un miliardo di cellule batteriche e miceli di funghi, oltre a un grande numero di insetti, artropodi e nematodi.

La salute del suolo determina la salute delle piante che, a loro volta, determinano lo stato di salute degli esseri viventi che se ne nutrono.


Noi siamo suolo. Noi siamo biodiversità

La biodiversità degli organismi del suolo è intimamente connessa alla salute e alla diversità del microbioma intestinale umano, attraverso il suolo con cui siamo in contatto e attraverso il cibo.

Il microbioma del suolo e il microbioma umano sono un unico super-organismo, poichè il suolo funge da serbatoio della diversità dei microbioti. Il nostro microbioma svolge un ruolo chiave nella regolazione del metabolismo, nel potenziamento del sistema immunitario, nella regolazione degli ormoni e del ritmo circadiano e contribuisce alla formazione e all’assorbimento dei nutrienti.

Gli impatti negativi sul microbioma del suolo, dovuti alle pratiche intensive dell’agricoltura industriale, si ripercuotono direttamente sulla salute umana.


La biodiversità è la rete della vita

La cura della biodiversità e degli ecosistemi ha prodotto sistemi di conoscenza che riconoscono come le interazioni e le influenze reciproche tra tutte le forme di vita siano essenziali a sostenere la complessa rete dell’esistente.

Le interrelazioni tra esseri umani, piante e animali hanno dato origine, nel corso dei millenni, a culture e sistemi di conoscenza basati sulla salute, sulla resilienza e sulla cura della terra.

Queste relazioni ci hanno regalato l’enorme diversità di semi, colture e alimenti da cui derivano le diete e i sistemi di coltivazione tradizionali.


L’ascesa dell’agricoltura industriale ha causato l’erosione della biodiversità

Con l’espansione dell’agricoltura industriale, la salute degli agroecosistemi passa in secondo piano rispetto all’obiettivo di una maggiore produttività.

Il sistema agroalimentare globalizzato ha provocato una distruzione senza precedenti a causa del cambiamento di destinazione d’uso dei suoli, della lavorazione pesante dei terreni, del modello di coltivazione monocolturale e dell’uso di agrotossici. Animali e piante sono a rischio di estinzione, il microbioma del suolo si sta esaurendo e interi ecosistemi sono in stato di degrado.

Nel corso di un secolo, il 75% della diversità genetica è scomparso a causa della ricerca dell’uniformità nella selezione vegetale e dell’introduzione degli OGM.

Mais, grano e riso coprono oggi il 60% delle calorie giornaliere delle nostre diete e solo 9 colture rappresentano il 66% della produzione totale.


Biodiversità è varietà nelle nostre diete

La moderna selezione industriale delle sementi mira a ottenere varietà vegetali che producano un raccolto totalmente uniforme utilizzando una genetica identica.

Questo tipo di selezione industriale delle sementi ha portato alla sostituzione delle varietà locali, evolutesi nel corso dei secoli, con varietà omogenee, ibride o geneticamente modificate.

La riduzione della biodiversità nelle diete ci ha portato a consumare poco più di 200 specie sulle oltre 6.000 varietà identificate, e la grande maggioranza delle persone si alimenta oggi con non più di dodici specie vegetali e cinque specie animali.


Siamo quello che mangiamo. Danneggiare la biodiversità danneggia la nostra salute

La combinazione tra diete basate su alimenti industriali trasformati e il degrado della biodiversità a tutti i livelli dei sistemi alimentari ha portato all’impoverimento del microbioma umano, alla mancanza di nutrienti di base e alla potenziale contaminazione degli alimenti con sostanze cancerogene e interferenti endocrini provenienti da prodotti agrochimici, ormoni della crescita artificiali e ceppi di batteri resistenti agli antibiotici.

L’enorme incremento delle malattie non trasmissibili è direttamente collegata a questi fattori.


Tutelare la biodiversità

Nonostante il riconoscimento internazionale dell’importanza del ripristino e della conservazione della biodiversità, i processi di erosione hanno continuato a intensificarsi. Nessuna azione è stata intrapresa per frenare il modello agroalimentare industriale basato su agrotossici, degrado del suolo, combustibili fossili e inquinamento.

Al contrario, vengono promosse attivamente false soluzioni, come il sequenziamento digitale delle informazioni genetiche, la biofortificazione, nuove generazioni di OGM, l’agricoltura di precisione.

Queste iniziative non mirano a tutelare la biodiversità ma lo stesso modello dell’ agricoltura industriale.


Agroecologia è biodiversità

La trasformazione dei sistemi alimentari basati sull’agroecologia, in opposizione ai sistemi alimentari globalizzati ed ecologicamente distruttivi, è sostenuta dai movimenti e agricoltori di tutto il mondo in nome della tutela della biodiversità e della sovranità alimentare.

Sono loro che stanno preservando i semi, i suoli, la biodiversità e gli agroecosistemi.

Gli agricoltori diventano custodi della diversità da trasmettere alle generazioni future per garantire la resilienza delle diverse colture e conoscenze, della cultura e delle comunità, attraverso il riconoscimento della sacralità di tutti gli esseri che sostengono la rete della vita.

Gli esseri umani fanno parte della rete alimentare in quanto custodi, co-creatori, consumatori e coltivatori.

La biodiversità ci rende membri della famiglia della Terra.


© Navdanya International 2022

Illustrations: Sara Filippi Plotegher per Navdanya International


Riferimenti

One Planet, One Health – Connected through Biodiversity: From the forests, to our farms, to our gut microbiome, Dr Vandana Shiva, March 2020

Manifesto Food for Health (Cibo per la Salute) – Coltivare la biodiversità, coltivare la salute, Navdanya International 2018

Manifesto Food for Health: Cultivating Biodiversity, Cultivating Health, Navdanya International 2019

Annam: Food as Health, Navdanya, 2017


Altri riferimenti:

Altieri, Miguel A., and Clara I. Nicholls. 2020. “Agroecology and the Reconstruction of a Post-COVID-19 Agriculture.” The Journal of Peasant Studies 47 (5): 881–98. https://doi.org/10.1080/03066150.2020.1782891.

Altieri, Miguel, and Clara Nicholls. 2004. Biodiversity and Pest Management in Agroecosystems. 2nd Edition. New York: CRC Press.

Barański, Marcin, Dominika Średnicka-Tober, Nikolaos Volakakis, Chris Seal, Roy Sanderson, Gavin B. Stewart, Charles Benbrook, et al. 2014. “Higher Antioxidant and Lower Cadmium Concentrations and Lower Incidence of Pesticide Residues in Organically Grown Crops: A Systematic Literature Review and Meta-Analyses.” British Journal of Nutrition 112 (5): 794–811. https://doi.org/10.1017/S0007114514001366.

Bharucha, Zareen, and Jules Pretty. 2010. “The Roles and Values of Wild Foods in Agricultural Systems.” Philosophical Transactions of the Royal Society B: Biological Sciences 365 (1554): 2913–26. https://doi.org/10.1098/rstb.2010.0123.

Blum, Winfried E.H., Sophie Zechmeister-Boltenstern, and Katharina M. Keiblinger. 2019. “Does Soil Contribute to the Human Gut Microbiome?” Microorganisms 7 (9). https://doi.org/10.3390/microorganisms7090287.

Ceccarelli, Salvatore. 2019. “Nurturing Diversity in Our Guts and on Our Farms to Reduce Health Risks and Increase Food System Resilience.” In The Future of Food, 45–51. Rome, Italy: Navdanya International.

Davis PhD, FACN, David R., Melvin Epp PhD, and Hugh D. Riordan, MD. 2004. “Changes in USDA Food Composition Data for 43 Garden Crops, 1950-1999.” Journal of the American College of Nutrition 23 (6): 669–82. http://saveoursoils.com/userfiles/downloads/1351255687-Changes%20in%20USDA%20food%20composition%20data%20for%2043%20garden%20crops,%201950-1999.pdf.

Dentico, Nicoletta. 2020. Ricchi e buoni? Volto oscuro filantropia globale. EMI.

Earther. n.d. “10 Years Ago, World Leaders Set Biodiversity Goals. They Haven’t Met a Single One.” Accessed September 21, 2020. https://earther.gizmodo.com/10-years-ago-world-leaders-set-biodiversity-goals-the-1845056565.

FAO. 2015. “Agroecology for Food Security and Nutrition: Proceedings of the FAO International Symposium.” Rome, Italy: FAO. http://www.fao.org/3/a-i4729e.pdf.

———, ed. 2017. The Future of Food and Agriculture: Trends and Challenges. Rome: Food and Agriculture Organization of the United Nations.

———. 2020. “How the World’s Food Security Depends on Biodiversity.” Rome, Italy: FAO: Commission on Genetic Resources for Food and Agriculture. http://www.fao.org/documents/card/en/c/cb0416en/.

FAO and Commission on Genetic Resources for Food and Agriculture. 2019. The State of the World’s Biodiversity for Food and Agriculture. Edited by Bélanger & D. Pilling. Rome, Italy: Food and Agriculture Organization of the United Nations. http://www.fao.org/3/CA3129EN/CA3129EN.pdf.

Food and Agriculture Organization of the United Nations, ed. 2017. The Future of Food and Agriculture: Trends and Challenges. Rome: Food and Agriculture Organization of the United Nations.

Garnett, Stephen T., Neil D. Burgess, John E. Fa, Alvaro Fernandez-Llamazares, Zsolt Molnar, Cathy J. Robinson, James E. M. Watson, et al. 2018. “A Spatial Overview of the Global Importance of Indigenous Lands for Conservation.” Nature Sustainability 1 (7): 369–74. https://doi.org/10.1038/s41893-018-0100-6.

Hertzen, Leena von, Ilkka Hanski, and Tari Haahtela. 2011a. “Natural Immunity: Biodiversity Loss and Inflammatory Diseases Are Two Global Megatrends That Might Be Related.” EMBO Reports 12 (11): 1089–93. https://doi.org/10.1038/embor.2011.195.

Hirt, Heribert. 2020. “Healthy Soils for Healthy Plants for Healthy Humans.” EMBO Reports 21 (8): 1–5. https://doi.org/10.15252/embr.202051069.

Iketch, John. 2011. “Healthy Soils, Healthy People; The Legacy of William Albrecht.” In . University of Missouri, Columbia. https://sites.google.com/site/albrechtlecture/home/text-of-2011-albrecht-lecture#_ftn2.

“Law of the Seed.” 2013. Florence, Italy: International Commission on the Future of Food and Agricutlture; Navdanya International. https://navdanyainternational.org/wp-content/uploads/2013/05/lawofseed.pdf.

Mancabelli, Leonardo, Christian Milani, Gabriele Andrea Lugli, Francesca Turroni, Chiara Ferrario, Douwe van Sinderen, and Marco Ventura. 2017a. “Meta-Analysis of the Human Gut Microbiome from Urbanized and Pre-Agricultural Populations.” Environmental Microbiology 19 (4): 1379–90. https://doi.org/10.1111/1462-2920.13692.

“Manifesto Food for Health: Cultivating Biodiversity, Cultivating Health.” 2019. New Delhi; Rome, Italy: International Commission on the Future of Food and Agricutlture; Navdanya International.

Navdanya. 2012. “Seed: The Embodiment of Cultural Diversity.” In Seed Freedom: A Global Citizen’s Report, 8–9. New Delhi: Navdanya. http://navdanya.org/attachments/Seed%20Freedom_Revised_8-10-2012.pdf.

Ray, C. Claiborne. 2015. “A Decline in the Nutritional Value of Crops (Published 2015).” The New York Times, September 12, 2015, sec. Science. https://www.nytimes.com/2015/09/15/science/a-decline-in-the-nutritional-value-of-crops.html.

Salonen, A., J. Salojärvi, L. Lahti, and W. M. de Vos. 2012. “The Adult Intestinal Core Microbiota Is Determined by Analysis Depth and Health Status.” Clinical Microbiology and Infection: The Official Publication of the European Society of Clinical Microbiology and Infectious Diseases 18 Suppl 4 (July): 16–20. https://doi.org/10.1111/j.1469-0691.2012.03855.x.

Shiva, Vandana, Kartikey Shiva, and Neha Raj Singh. 2018. “The Future of Our Daily Bread: Regeneration or Collapse?” New Delhi, India: Navdanya International; RFSTE.

Shroff, Ruchi, and Carla Ramos Cortés. 2020. “The Biodiversity Paradigm: Building Resilience for Human and Environmental Health.” Development 63 (2): 172–80. https://doi.org/10.1057/s41301-020-00260-2.

Singh, Rasnik K., Hsin-Wen Chang, Di Yan, Kristina M. Lee, Derya Ucmak, Kirsten Wong, Michael Abrouk, et al. 2017. “Influence of Diet on the Gut Microbiome and Implications for Human Health.” Journal of Translational Medicine 15 (1): 73. https://doi.org/10.1186/s12967-017-1175-y.

Thomas, David. 2007. “The Mineral Depletion of Foods 1940-2002– A Review of the 6th Edition of McCance and Widdowson.” Nutrition and Health 19: 21–55. http://mineralresourcesint.co.uk/pdf/Mineral_Depletion_of_Foods_1940_2002.pdf.

Thrupp, Lori Ann. 2000. “Linking Agricultural Biodiversity and Food Security: The Valuable Role of Agrobiodiversity for Sustainable Agriculture.” International Affairs 76 (2): 265–81. https://doi.org/10.1111/1468-2346.00133.

Wagg, Cameron, S. Franz Bender, Franco Widmer, and Marcel G. A. van der Heijden. 2014. “Soil Biodiversity and Soil Community Composition Determine Ecosystem Multifunctionality.” Proceedings of the National Academy of Sciences 111 (14): 5266–70. https://doi.org/10.1073/pnas.1320054111.

Wardle, David A., Richard D. Bardgett, John N. Klironomos, Heikki Setälä, Wim H. van der Putten, and Diana H. Wall. 2004. “Ecological Linkages Between Aboveground and Belowground Biota.” Science 304 (5677): 1629–33. https://doi.org/10.1126/science.1094875.

By continuing to use the site, you agree to the use of cookies. more information

The cookie settings on this website are set to "allow cookies" to give you the best browsing experience possible. If you continue to use this website without changing your cookie settings or you click "Accept" below then you are consenting to this.

Close